natura, storia ed ecoturismo

Il monastero di Samos in Galizia

Il monastero di Samos in Galizia (Spagna) è uno dei piu antichi monasteri europei. Si trova lungo il Cammino di Santiago ed è luogo di accoglienza per i pellegrini che percorrono questo famoso percorso che parte da Saint Jean Pied de Port in Francia e che, passando per i Pirenei e per la Spagna del nord, arriva a Santiago de Compostela.
L'hospitalero Antonio Antonucci ha lavorato come volontario nell'ostello dei monaci e nel settembre 2017 ha fatto il rilievo botanico dei due chiostri che si trovano all'interno del complesso monastico. Un tempo esisteva una famosa erboristeria ed una farmacia come era in uso nei monasteri dei Benedettini.

 

È un esempio della valorizzazione a uso turistico di un luogo di culto come ce ne sono tanti in Italia e in Abruzzo che, invece, versano in stato di profondo abbandono e decadenza.

 

 

El Monasterio de Samos en Galicia, España, es uno de los monasterios europeos más antiguos, se encuentra a lo largo del camino de Santiago y es un lugar acogedor para los peregrinos que viajan por este famoso camino desde Saint Jean Pied de Port en Francia y atraviesan el Pirineos y el norte de España, llega a Santiago de Compostela.
El hospitalero Antonio Antonucci trabajó como voluntario en el albergue del monasterio y en septiembre de 2017 realizó el relieve botánico de los dos claustros dentro del complejo monástico. Una vez hubo una famosa herboristería y farmacia, ya que estaba en uso en los monasterios de los benedictinos.

 


Monastero di samos - Chiostro grande


Monastero di samos - chiostro piccolo

Il Cammino dell'Adriatico

Il Cammino dell'Adriatico

“Il Cammino dell'Adriatico - Abruzzo Openday Summer 2017”

Da sabato 27 maggio fino a domenica 4 giugno l'associazione Paliurus, in collaborazione con la DMC Terre del Piacere, la città di Pescara, la regione Abruzzo e l'agenzia turistica Wolftour, promuoverà le emergenze storiche e naturali della costa abruzzese attraverso una mostra e una passeggiata guidata nel capoluogo abruzzese.

La mostra si terrà all'Aurum nelle sale Cascella e consisterà in una rassegna fotografica delle peculiarità storiche e naturalistiche della costa abruzzese nel tratto teramano e pescarese.
Ingresso libero: dalle 17 alle 20 tutti i giorni.
Per informazioni sulla mostra: email: associazionepaliurus@gmail.com

La passeggiata nella città di Pescara si svolgerà dal 28 maggio al 4 giugno con partenza dal lato Nord del Ponte del Mare alle ore 16, toccando alcuni punti naturalistici e storici della città adriatica, la “spiaggia del fratino” presso i caratteristici trabocchi, la veduta dall'alto dal Ponte del Mare, del porto turistico e della catena appenninica della Majella e del Gran Sasso, il Teatro d'Annunzio, per concludersi con la visita della mostra fotografica all' interno dell'edificio storico dell'Aurum.

Contributo per la passeggiata: 10 euro a persona. Prenotazione obbligatoria: Wolftour, tel.0858278444, email: info@wolftour.it
Nota bene: la passeggiata si svolgerà solo con una partecipazione minima di 20 persone.

La Marruca, Paliurus spina-christi

la marruca, PALIURUS SPINA CHRISTI


Pianta di marruca (Paliurus spina-christi)
Pianta di marruca (Paliurus spina-christi)

PALIURUS - natura, storia ed ecoturismo” è un’associazione che nasce nel 2016. È apartitica, non ha scopo di lucro e svolge attività di promozione e utilità sociale. Si propone di svolgere attività nei settori ambientale, culturale, artistico, editoriale, ricreativo e sportivo dilettantistico, senza finalità di lucro.

In particolare, i principali fini istituzionali dell’associazione sono:

*          il recupero del rapporto tra uomo e ambiente naturale attraverso la ricerca, lo studio e la conoscenza del territorio, nell’ottica di una valorizzazione del capitale naturale;

*          il recupero dei valori naturalistici e storico-culturali dei territori attraverso la condivisione e la divulgazione delle conoscenze;

*          la tutela, la conservazione e la valorizzazione delle peculiarità dell’ambiente naturale, del paesaggio, della cultura agraria, del patrimonio storico, artistico, archeologico, tecnico, scientifico e intellettuale in genere;

*          la promozione di una progettazione sensibile agli aspetti naturalistici ed ecologici;

*          il miglioramento dell’accoglienza turistica attraverso la promozione di un turismo lento, notoriamente attento alle identità dei luoghi e alla loro autenticità;

*          la divulgazione dei valori ambientali e storico-culturali dei territori attraverso comunicazione web, opere editoriali, espressioni artistiche, documentari, mostre, seminari, convegni, attività didattiche ed educative, corsi di formazione e visite guidate;

*          la promozione della collaborazione tra enti, istituzioni, strutture, associazioni, pubbliche e private, anche in campo internazionale.



Dal Bar della Borsa a Pescara:

un piatto pronto in 15 minuti!



IL BLOG SUL TERRITORIO DEL CERRANO